Network Bar

mercoledì 31 marzo 2004

In lotta per la vita

Poche firme sono giunte al Tribunale Supremo della Nigeria, che ha ratificato la sentenza di morte ai danni di Amina: la sua esecuzione è stata solamente ritardata di due mesi, per permetterle di separarsi dalla sua bambina. Trascorso questo periodo sarà interrata fino al collo e lapidata, a meno che non si avvii una massiccia raccolta di firme, com'è stato per il caso di Safiya che è stata salvata proprio grazie a questo: una valanga di firme che hanno dissuaso le autorità nigeriane.
Amnesty International chiede il sostegno di tutti attraverso una firma sulla seguente pagina web: Amnistia por Nigeria (in spagnolo).
Non è inutile: nella stessa situazione la vita di Safyia è stata risparmiata.

Nessun commento:

Posta un commento