Network Bar

lunedì 8 novembre 2004

19. Meth Opera

Ogni barlume e ogni intuizione spirituale alla fine si deteriora nelle tenebre e nel conflitto... ma quando la situazione materiale diventa insostenibile, l'umanità reagisce con una riscoperta spirituale.
Sì. Questa ciclicità oscillatoria
E' il flusso vivo della nostra storia.
Prima c'è il buio, poi c'è il giorno dove
Risplende il Sole, la carta diciannove.

La lettera ebraica resh, come è evidente,
E' assegnata a questo tarocco splendente.
Quello di "fronte" è il suo significato:
Il pensiero conscio, illuminato.

Coi fattori dopo la guerra mondiale
(Ricchezza, scinza, crescita sociale),
Negli anni cinquanta, i giovani ribelli
Son più dei vecchi, cercan nuovi modelli.

Il buddismo, lo zen, l'astrologia
E l'i-ching si mischiano all'euforia
Di droghe a imitare il trance dello sciamano,
In questo decennio più mistico e arcano.

In questa psichedelica* miscela
*(Vuol dire in greco che "l'anima svela")
Giovani inesperti, ancor novellini,
Assunsero il ruolo di bardi e indovini.

Ma il fuoco solar di quegli anni, in genere,
I più visionari ridusse in cenere.
Le loro vite confuse e narcotiche
Mutarono in tragedie psicotiche.


(da Metaphore, di Alan Moore e J.H.Williams III, su ABC#13, ed.Magic Press, trad.Leonardo Rizzi, il grande!)

(trad. titolo: opera al metadone)

(nota: per i colori vedi Promethea)

Nessun commento:

Posta un commento