Network Bar

mercoledì 23 febbraio 2005

Monopoli intellettuali

Nonostante una serie di leggi che cercano di dare maggiore spazio all'Open Source, quando si affrontano corsi e master ufficiali, organizzati da aziende ed istituti, gli strumenti che solitamente vengono insegnati e proposti agli studenti non solo girano preferibilmente su Windows, ma sono preferibilmente prodotti Microsoft, che non necessitano di una grandissima conoscenza e possono essere imparati con pochissime mosse, arrivando ad un utilizzo molto superficiale (i più esperti arrivano ad un uso tra il superficiale ed il buono, i veri esperti alla massima potenzialità), dimenticandosi, così, di prodotti altrettanto validi e che hanno il pregio di costare di meno o, addirittura, di essere gratuiti e spesso non oggetto di attacchi di codici virali.
La cosa peggiore, in tutto ciò, é la scarsa elasticità mentale, quella sì molto più pericolosa di qualsiasi monopolio.

Nessun commento:

Posta un commento