Network Bar

mercoledì 12 marzo 2008

La disfida dei poeti

- Sciocchezze! - riprese Gregory, che era assai ragionatore quando qualcun altro tentasse dei paradossi - Perché mai tutti gli impiegati e gl'inservienti dei treni appaiono così tristi e annoiati, proprio tanto tristi e annoiati? Ve lo dirò io. E' perché sanno che il treno va dove deve andare. E' perché sanno che, per qualsiasi luogo abbiano preso il biglietto, ci arriveranno proprio; è perché, dopo aver passato Slone Square, sanno che la stazione successiva dovrà essere Victoria e niente altro che Victoria. Oh! come sarebbero invece pazzi di rapimento, oh, come avrebbero gli occhi splendenti al pari di stelle e l'anima ancora una volta nell'Eden, se, nella stazione successiva essi si trovassero inaspettatamente a Baker Street!
- Voi, piuttosto, siete antipoetico! - ribatté il poeta Syme. - Se quel che dite degli impiegati è vero, è perché essi sanno soltanto essere prosaici come la vostra poesia. La cosa rara, strana, sta appunto nel raggiungere la meta; la cosa ordinaria e ovvia sta invece nel mancarla. Noi consideriamo come alcunché di epico che un uomo con una freccia rude colpisca un uccello distante. E non è pure epico che un uomo, con una rozza macchina, colpisca una stazione distante? Il caos è insulso, perché nel caos il treno potrebbe andare dovechessia, a Baker Street come a Bagdad. Ma l'uomo è un mago, e tutta la sua magia sta in questo, ch'egli dice Victoria, ed eccolo proprio a Victoria. No, no. Prendete pure i vostri libri di pura poesia e prosa; lasciate invece ch'io legga un orario delle ferrovie, con lacrime d'orgoglio. Tenete il vostro Byron, che celebra le disfatte dell'uomo; datemi invece Bradshaw(1), che ne commemora le vittorie. Datemi Bradshaw, dico!

(1) E' il noto orario ferroviario delle grandi linee europee.

(da L'uomo che fu Giovedì, di G.K.Chesterton, ed.Bompiani)

Nessun commento:

Posta un commento