Network Bar

sabato 16 luglio 2011

MaddMaths #19 giugno 2011

MaddMaths
Anche se con una decina di giorni di ritardo, pubblico ben volentieri la newsletter dei MaddMaths!, che in effetti il mese scorso hanno avuto a che fare con il Carnevale della Matematica #38, che nel frattempo è anche arrivato alla 39.ma edizione (ringrazio .mau. per la splendida presentazione!), alla quale i MaddMaths! hanno puntualmente partecipato: questo vuol dire che potrebbe esserci una sovrapposizione di link, ma alla fine più segnalano e meglio è. Dunque iniziamo:
L'editoriale di Roberto Natalini, Ma chi se ne frega della matematica
Lo sappiamo che siete tutti in vacanza o quasi, e della matematica non ve ne frega un bel nulla, sia essa pura o applicata o anche fosse a pallini. Ma mentre siete sul bagnasciuga arriva Michel Gove, il Ministro all'Educazione britannico, un collaboratore stretto di Cameron, e in un discorso alla Royal Society dice che è la matematica che fa la storia.
Poi, per Vita da matematico, Luigi Civalleri
Cosa ci fa un matematico in una casa editrice? E perché i libri di matematica vendono così tanto? A queste e altre domande risponde Luigi Civalleri, laureato in matematica e docente al master in Comunicazione della Scienza presso la SISSA di Trieste. Ha lavorato in alcune importanti case editrici italiane; oggi è traduttore, editor e consulente freelance. Tra i libri da lui tradotti: Armi, acciaio e malattie di Jared Diamond, L’universo elegante di Brian Greene, Il dilemma dell’onnivoro di Michael Pollan.
E poi, in ordine sparso,
Batte la lingua sul tamburo di Roberto Natalini:
La poesia fa risuonare in noi immagini e ricordi. E un suono può farci capire la forma della membrana che lo ha prodotto?
Gli origami in 3D e il Pysanka di Resch: l'uomo che fece l'uovo (di Pasqua) di Flavia Giannoli
Scopriamo insieme come la tecnica degli origami 3D ha permesso al matematico Resch di realizzare un monumento eccezionale: l'uovo di Pasqua celebrativo di Vegreville (Alberta, Canada) lungo 9 metri e pesante circa 2,5 tonnellate
La congettura Collatz: il lupo vestito da agnello
La soluzione della Congettura Collatz corre nella Rete. Ma è, ennesimamente, sbagliata...
Per questa edizione è tutto (in fondo l'ora talda, il caldo, che oggi però un po' di tregua l'ha data, e quant'altro suggeriscono di chiuderla qui, e poi se no come ci andate al Carnevale #39 senza l'incentivo di trovare il resto?), ma vi lascio con una selezione di articoli che i MaddMaths! hanno tratto dall'Almanacco della Scienza del CNR.
Alla prossima con i MaddMaths! e a un po' prima con il sottoscritto (si spera!).

Nessun commento:

Posta un commento