Network Bar

mercoledì 13 giugno 2012

Col cuore in gola

L'unica colpa di queste piante era quella di essere mutanti. OGM, per la precisione. Un po' come gli X-Men di marvelliana memoria. Perché il così detto principio di precauzione ci impone di bloccare la ricerca pubblica, in quanto tale più controllabile e trasparente, e chi se ne importa se le multinazionali sono contente di ciò:
E poi si strilla a squarciagola che gli OGM fanno solo l’interesse di poche multinazionali e danneggiano i piccoli agricoltori. Ma il giorno dopo si distruggono trent’anni di ricerca pubblica in materia. Così, quasi per gioco. Per un raffinato esercizio del potere. Il potere della legge, s’intende, nei confronti della quale però, quando fa comodo, si invoca la disobbedienza civile.
(Marco Cattaneo)
Su La Valle del Siele il report fotografico del primo giorno di distruzione. Potete poi trovare un appello per la ricerca (non si sa mai, la speranza è l'ultima a morire...) e infine un articolo sul blog di Nature sull'ennesima vergogna italiana.

1 commento: