Network Bar

domenica 17 febbraio 2013

L'innovazione in farmacia

Rispetto alla mostra su Turing, quella dedicata a Carlo Erba occupa una sala intera ed è curata direttamente dallo staff del Museo Leonardo.
Carlo Erba è stato un farmacista e imprenditore milanese. Dopo gli studi in medicina e farmacia presso l'Università di Pavia, Erba prende in gestione, nel 1837, l'Antica Farmacia di Brera, in via Fiori Scuri (è ancora lì, la farmacia!), per poi aprire il primo laboratorio farmaceutico, proprio accanto alla farmacia, nel 1853. Tra i fondatori della Edison, la società elettrica che fornisce l'energia a Milano, nel 1867 aprì il primo vero stabilimento farmaceutico italiano a Milano. E' dunque per celebrare l'iniziativa di Erba che ha trasformato la produzione di farmaci in Italia (e probabilmente non solo) che il Museo Leonardo ha allestito questa mostra molto interessante. La sala è suddivisa a sua volta in tanti piccoli spazi grazie ad alcuni muri di cartone dove sono stampate le informazioni essenziali per descrivere ciascun micro-ambiente. La maggior parte dei quali presenta una serie di teche con oggetti tipici del mestiere del farmacista o con curiosità storiche dell'epoca o con cimeli provenienti direttamente dall'attività di Erba.
Molto interessanti gli spazi dedicati alle erbe utilizzate nell'attività o i video proposti ai visitatori su ciascun banco: in particolare ho dato un'occhiata al video sulla preparazione dei farmaci e a quello sui trial per la loro sperimentazione, percorsi che dovrebbero garantire la loro efficacia come cure e l'assenza (o scarsa efficacia) degli effetti collaterali. Interessante, poi, leggere su un testo all'interno di una delle teche il ruolo della Carlo Erba nello sviluppo dell'adriamicina:
Quella dell'adriamicina, primo chemioterapico antitumorale, è una storia tutta italiana: il punto d'onore prima, il fiore all'occhiello dopo, della ricerca scientifica Farmitalia Carlo Erba. Il male del secolo non era mai stato contrastato, prima, così decisamente. Dopo anni di ricerca un'azienda italiana imbocca una strada sicura e miete, in Italia e all'estero, significativi riconoscimenti. Una tappa, d'accordo. Ma una tappa giusta di un lungo cammino, che vede impegnati uomini e strutture in lotta serrata col tempo.
E come ieri, anche oggi eccovi la galleria delle foto scattate durante la visita al Museo:

Nessun commento:

Posta un commento