Network Bar

lunedì 19 gennaio 2015

L'uomo che vedeva gli atomi

Un meccanico "anarchico", Bud Gregory, è l'unico in grado di salvare la Terra dai disastri, più o meno naturali, che si stanno abbattendo sul pianeta.
L'unico scienziato in grado di comprendere tali pericoli e apprezzare l'abilità intuitiva di Gregory nel costruire oggetti in grado di sfruttare leggi della fisica appena intuite se non addirittura non scoperte è David Murfree.
I due, grazie a macchine che sembrano in grado di produrre una sorta di moto perpetuo microscopico, o comunque qualcosa che gli si avvicina, vivranno una serie di avventure senza respiro, via via sempre più complesse e pericolose, in cui solo gli stimoli di Murfree riusciranno a spingere Gregory ad agire in favore della Terra.
Al di là del genere, il bel romanzo di Murray Leinster sembra suggerire che, senza una guida razionale e scientifica, nessuna società, nemmeno una anarchica o libertaria, sarebbe in grado di sopravvivere.

Nessun commento:

Posta un commento