Network Bar

lunedì 28 maggio 2018

Wikiritratti: Alan Bean

Alan Bean, selezionato come astronauta della NASA nel 1963, è stato il quarto astronauta a mettere piede sulla Luna in occasione della missione Apollo 12, la seconda ad atterrare sulla superficie del nostro satellite.
Gli inizi

Alan Bean sulla Luna
Nato il 15 marzo del 1932 a Wheeler, nel nordest del Texas, di avi scozzesi, Bean visse a Minden, nel nordovest della Louisiana, dove il padre lavorava per la U.S. Soil Conservation Service. Ottenne il diploma superiore nel 1950 presso la R.L. Paschal di Fort Worth, in Texas.
Nel 1955 conseguì la laurea di primo livello (bachelor) in ingegneria aereonautica presso l'Università del Texas di Austin. Successivamente entra nell'aereonautica militare statunitense: in particolare presso la U.S. Naval Test Pilot School ebbe come istruttore Pete Conrad, futuro comandante della Apollo 12. Come scritto in apertura, è stato selezionato nel 1963 come astronauta della NASA.
Selezionato per essere il pilota di comando dell'equipaggio di riserva del Gemini 10, non è riuscito ad ottenere il primo incarico di volo per l'Apollo. Nel frattempo è stato inserito nell'Apollo Applications Program. In quella veste, è stato il primo astronauta a immergersi nel Neutral Buoyancy Simulator e un paladino nel processo di addestramento degli astronauti. Quando il suo compagno astronauta Clifton Williams venne ucciso da un incidente aereo, si aprì un posto per Bean sull'equipaggio di riserva dell'Apollo 9. Fu il comandante dell'Apollo 12 Conrad, che era stato istruttore di Bean, a chiedere personalmente la sostituzione di Williams con il suo ex-allievo.
Sulla Luna
Bean è stato il pilota del modulo lunare dell'Apollo 12, la seconda missione ad atterrare sulla Luna. Nel novembre del 1969, Bean e Conrad allunarono nell'Oceano delle tempeste (Oceanus Procellarum) dopo un volo di 250000 miglia (poco più di 400000 chilometri). Tra l'altro fu lui a salvare la missione ripristinando, su istruzioni di John Aaron, la telemetria della navicella dopo che questa venne colpita da un fulmine 36 secondi dopo il lancio. I due astronauti esplorarono la superficie della Luna, realizzando diversi esperimenti e installando il primo generatore di energia nucleare della Luna. Nel frattempo Dick Gordon, dall'orbita lunare, stava fotografando i siti di allunaggio per le missioni future.
Bean è stato anche il comandante della Skylab 3, la seconda delle missioni con equipaggio dirette alla Skylab, la Stazione Spaziale statunitense che orbitò intorno alla Terra dal 1973 al 1979.
Artista lunare

Lunar Grand Prix
Abbandonata la NASA nel 1981, si dedicò completamente alla pittura. I suoi soggetti erano, ovviamente, spaziali. Come pittore, Bean desiderava aggiungere i colori alla Luna. Ricorda:
Ho dovuto trovare un modo per aggiungere colore alla Luna senza rovinarla.
Nei suoi dipinti, il paesaggio lunare non è una monotona distesa grigia, ma presenta sfumature di vari colori.
Se fossi uno scienziato che dipinge la Luna, la dipingerei di grigio. Sono un artista, così posso aggiungere i colori alla Luna.
Nei suoi dipinti Bean ha utilizzato la polvere lunare che aveva sporcato le toppe della sua tuta spaziale (e che gli astronauti portavano a casa come ricordo). Aggiungendo piccoli pezzi di queste toppe ha reso i suoi quadri unici, diventando così l'artista lunare definitivo.
Sono l'unico che può dipingere la Luna, poiché sono il solo che sa se è giusta o no.

Nessun commento:

Posta un commento