Network Bar

sabato 15 maggio 2004

3. A pert home

Volete dire che le figure dei tarocchi rappresentano una storia cifrata di... tutto quanto?
Il matto è il vuoto iniziale, mentre il mago e la papessa sono i periodi di inflazione primaria e secondaria del cosìdetto "Big Bang"?
D'accordo. Ma dopo il lampo iniziale, dopo la lunga pausa silenziosa che seguì, dopo che si accesero le stelle... che accadde?
Quando nacquero i soli quel primo giorno,
Gli elementi in gioco dissolti intorno
Furon scagliati a dar biglie gassose
Disperse intorno a stelle radiose.

Poi si addensaron queste antiche nubi,
Finché non apparvero i pianeti nudi
E fra questi la madre terra felice.
E' la terza carta, l'imperatrice.

Lei è generosa ed è tutto amore,
Siccome Venere, grazia e splendore.
Terra, acqua, aria e fuoco in commistione
Quaggiù ribollono in fertile unione.

La sacra scintilla tra lui e lei
Brucia nella fecondità di costei.
Perdurano in lei i semi di vita
In mar, vento, fiamma, zolla fiorita.

Non è bella la terra che ci conduce,
Che ci diede un tetto, ci diede la luce?


(da Metaphore, di Alan Moore e J.H.Williams III, su ABC#13, ed.Magic Press, trad.Leonardo Rizzi, il grande!)

(trad. titolo: una casa vivace)

(nota: per i colori vedi Promethea)

Nessun commento:

Posta un commento