Network Bar

venerdì 2 aprile 2004

Castelli, dentro castelli, dentro castelli...

Immagine di Castelli di rabbiaDi solito si dice: costruire castelli in aria. Di solito si costruisce in aria quando si la propria mente realizza sogni e immagina cose e vuole staccarsi dalla vita di ogni giorno. E ognuno inventa mondi diversi, nei quali rifugiarsi, nei quali rifugiare i suoi personaggi, come amici invisibili che vede solo lui, nessunaltro. E a volte capita di imbattersi in certe storie, che sembrano vere, che sono dei sogni fatti di sabbia, che al primo vento volano via e lasciano una traccia solo nel ricordo di chi le ha lette, di chi le ha ascoltate. A volte sono sogni fatti di vetro, destinati a rompersi non appena qualcuno di maldestro li tocca, e li fa cadere a terra, senza che nessuno li possa raccogliere. A volte sono sogni fatti di rabbia, che impediscono di crollare quando si e' nel fondo, quando sembra di non riuscirsi a sollevare e solo l'obiettivo finale spinge ad andare avanti, e avanti, e avanti... fino a che non si arriva. E allora anche quei sogni volano via, senza troppi rimpianti.
Una volta ho letto una storia che sembrava vera. Le persone, per quanto particolari, sembravano vere e niente potevi dir loro: esistevano e basta. Facevano sogni e castelli in aria e la loro sostanza era quella del vetro, dell'aria, della rabbia. Ma alla fine, quando ormai quelle persone erano amici fedeli, la storia altro non era che un castello con dentro tanti altri castelli: e la storia era bella lo stesso...

Nessun commento:

Posta un commento