Network Bar

venerdì 25 marzo 2005

Promethea #12 - La barzelletta

Due uomini viaggiavano nella stessa carrozza di un treno in corsa. Non si conoscevano, ma il caso aveva voluto che viaggiassero insieme. Uno dei due teneva in grembo una scatola di cartone, con dei buchi fatti in cima.
Dopo aver riflettuto un pò su cosa potesse contenere la scatola del suo compagno di viaggio, l'altro non riuscì più a contenere la curiosità e così disse:
"Mi scusi, ma non ho potuto fare a meno di osservare la sua scatola. Per caso contiene qualche tipo di animale?"
L'altro, pur sorpreso dall'impertinente intrusione di un estraneo, sorrise educatamente. Disse:
"Ha perfettamente ragione. In effetti, in questa scatola c'è una creatura. Inoltre le rivelerò che l'animale in questione è una mangusta."
Il primo uomo, quello che aveva rivolto la domanda, fu sorpreso dalla rivelazione. Farfugliando la sorpresa, cercò ulteriori delucidazioni in merito alla stimolante dichiarazione fatta dal suo compagno di viaggio:
"Una mangusta? Devo confessarle che mi aspettavo un gatto o un coniglio, ma certo non una creatura tanto esotica e bizzarra. Quell'animale stuzzica talmente la mia curiosità che devo implorarla di proseguire il racconto. Ad esempio, dove va con tale esemplare, se posso avere l'ardire di chiederlo?"
L'altro, con in grembo la scatola perforata, si strinse esausto nelle spalle e rispose:
"Beh," egli disse, "è questione personale, in quanto riguarda una tragedia di famiglia... ma sono sicuro di poter contare sulla sua discrezione e non mi secca renderla partecipe del mio sventurato racconto."
"Vede," proseguì l'uomo, "Questa triste storia riguarda mio fratello maggiore. Si può dire che sia sempre stato la pecora nera della famiglia; per molti anni si è concesso una serie di vizi banali e prevedibili, il peggiore dei quali è il suo debole per gli alcolici. Egli ha bevuto talmente tanto, che oramai si trova nelle fasi finali del delirium tremens. Ora mio fratello vede serpenti dappertutto e io gli sto portando questa mangusta perché lui se ne possa sbarazzare." "Mi scusi," intervenne l'altro, "ma i serpenti che vede suo fratello... non sono serpenti immaginari?"
"Certo," rispose il suo compagno di viaggio. "Ma questa" e con un gesto significativo indicò la scatola che aveva in grembo, "è una mangusta immaginaria."
(da Metaphore, di Alan Moore e J.H.Williams III, su ABC#13, ed.Magic Press, trad.Leonardo Rizzi, il grande!)

Nessun commento:

Posta un commento