Network Bar

venerdì 17 ottobre 2003

[1376]

I sogni sono doni evanescenti,
ci arricchiscono solo per un'ora,
poi ci buttano - noi tornati poveri -
fuori dalla purpurea porta,
nel recinto freddo e umido
in cui stavamo prima.

(di Emily Dickinson, trad. Alessandro Quattrone)

(Vedi anche Sogni)

Nessun commento:

Posta un commento