Network Bar

mercoledì 11 novembre 2009

Al Lupo! Al Lupo!

E ieri sera è stata la volta del grandissimo Stefano Benni. Il Lupo giunge con ampio anticipo, alle 18, sull'orario previsto, 18:30, e inizia a fare le prove sull'audio del microfono. Concluse le prove scende dal palco e si avvia al bar della libreria: nel tragitto un ragazzo, timidamente, gli si avvicina e con palpabile emozione, essendo il suo compleanno(1), gli chiede una foto: e subito simpaticamente accontentato.
Mentre è al bar, ecco che la gente si avvicina per un autografo: riesco a infilarmi tra i primi, farmi firmare la mia brava copia di Pane e tempesta e mi faccio riconoscere come quello della recensione di Stranalandia, che so che ha apprezzato moltissimo. Il buon Benni fa un attimo mente locale e si ricorda, commentando tra le altre cose:
E' strano quel sito
E detto da Benni, per me, suona come un complimento!
Passiamo, però, all'incontro (ci sono anche un paio di brevi video):
Inizia subito a leggere un passaggio da Storia e metamorfosi del bar, che riprende il mitico Bar Sport. Eccovi uno spezzone della lettura:

Altre letture sono state Storia di Grandocca e la sfortunata Trincone l'amoroso, anche se la prima risulta molto più sentita e poetica, mentre la seconda decisamente divertente e comica nel più puro stile benniano.
Recita, poi, la poesia La Giraffa. Eccovi il video:

Tra una lettura e l'altra, ecco le domande del pubblico, che spaziano da romanzi e lavori precedenti, toccando anche quest'ultimo Pane e tempesta. In particolare domande su Comici, spaventati guerrieri, sia il film, sia le differenze e le similitudini con Pane e tempesta, e su Margherita Dolcevita (spero di leggerlo al più presto!) e sul suo rapporto con la tecnologia moderna.
Per parte mia, facendo riferimento diretto a Terra e al fumetto tratto da un racconto del romanzo (non ho voluto rischiare il nome del Capitano Patchwork, perché non ricordo se è proprio quello il nome!), se già pensava a qualcosa del genere anche per Pane e tempesta, visto che la bellissima copertina (una delle migliori) è del bravissimo Giuseppe Palumbo. Benni risponde possibilista, parlando sia di Luca Ralli, che su musiche del figlio Niclas, ha realizzato il book trailer a basso costo proiettato all'inizio dell'incontro, sia dello stesso Palumbo, dicendosi interessato a collaborare con loro. D'altra parte, aggiunge, la serie animata tratta da La compagnia dei celestini è stata realizzata in Francia e solo in un secondo momento la Rai si è accorta della bontà dell'idea.
In definitiva il Benni brillante che ci si attendeva, che ha risposto gentilmente a tutti, non risparmiando nessuno, dal mondo della televisione a quello del cinema, passando per Obama (che per lui rappresenta una speranza, che spera non verrà tradita) e una frecciatina al nano.
Ora vi lascio con la galleria delle foto che ho scattato ieri, insolitamente venute bene (sarà perché ero seduto in terza fila?):


(1) Scontati gli auguri di Benni, con tanto di applauso spontaneo da parte del pubblico al momento presente in sala.

2 commenti:

  1. Wow non avrei mai pensato di ritrovare su internet quei fantastici momenti vissuti ehehe
    Come dimenticare il suo soundcheck:"Pa-Pa-Paperoga, cane bianco, cane bianco, bianco cane".
    Mitico! E' stato proprio un gran bel regalo di compleanno!

    RispondiElimina
  2. Grazie per essere passato!
    Spero presto di poter pubblicare una recensione del libro di Benni, così magari possiamo confrontarci qui o magari su anobii!

    RispondiElimina