Network Bar

lunedì 8 agosto 2011

Mai toccato da mani umane

More about Mai toccato da mani umaneDivertente, Dissacrante. Imprevedibile. Tutto questo è Mai toccato da mani umane, la raccolta di racconti fantascientifici di Robert Sheckley. Si va dall'esplorazione spaziale, quella del primo racconto che da il titolo alla raccolta, e che fa da apripista a una prima parte di racconti incentrati sul rapporto con pianeti alieni, non solo nel senso di pianeti differenti dalla Terra, ma anche della Terra nei confronti di altri visitatori, come i figli dei coloni che vengono sul nostro pianeta in Pellegrinaggio alla Terra, alla ricerca di qualcosa che non possiedono, fino a capire cosa, in effetti, c'è di corrotto sulla Terra: non c'è nulla che non si possa vendere, anche i sentimenti più genuini!
Ecologista è invece La montagna senza nome, una storia che probabilmente ha in parte ispirato Cameron per il suo Avatar: il racconto è migliore proprio per la sua brevità. Si concentra su un unico aspetto: lo sfruttamento delle risorse da parte degli esseri umani a scapito anche delle stesse popolazioni indigene. In effetti è una storia che si ripete dall'inizio dei tempi.
I mostri, La settima vittima e Criminali cercansi si concentrano, invece, sul rapporto tra l'intelligenza e la violenza, passando dal confronto con un'altra cultura nel primo racconto, a un ingegnoso sistema per diminuire guerre, omicidi e contrasti: la legalizzazione degli omicidi!
Divertentissimo, invece, Criminali cercansi: immaginate un gruppo di esseri umani perfettamente isolato dal resto, con la possibilità di gestire le proprie risorse al minimo indispensabile, senza strafare. In un gruppo del genere tutti conoscono tutti e la violenza, l'avidità e altri difetti del genere non sono presenti. A questo punto immaginate che il resto dell'umanità si accorge del gruppo e, vista l'imminenza di una guerra, cercano di reclutare più persone possibili, compresi gli appartenenti a questo gruppo. Secondo voi come andrà a finire? Chi ha già letto il racconto, non bari!
Un altro modo in cui la società del Grande Fratello potrebbe realizzarsi è attraverso il controllo psicologico e dello stato mentale delle persone. Attraverso macchine che forse forniranno ispirazione per le macchine sul controllo dell'umore in Ma gli androidi sognano pecore elettriche? il governo mondiale è in grado di controllare gli abitanti ed eliminare prontamente le persone mentalmente disadattate, secondo gli standard richiesti ovviamente. Altrettanto ovviamente il protagonista del racconto verrà sconfitto, schiacciato dal potere che lo controlla con la scusa di proteggerlo.
Emblematico lo scambio di battute prima dell'epilogo:
Ricordi che la società va protetta dall'individuo.
Sì, ma chi protegge l'individuo dalla società?
La chiusura è affidata al Catalogo delle mogli, una conclusione romantica in cui lo spirito pionieristico e di intraprendenza e soprattutto il voler dimostrare di essere qualcosa di più delle apparenze riesce a trovare i fattori positivi anche in qualcosa di apparentemente non così genuino come un... catalogo delle mogli del pioniere!

Nessun commento:

Posta un commento