Network Bar

martedì 30 agosto 2011

Webit 2011: tutti per Annarita!

Quando Marco partecipò con il suo snake a un contest informatico, Annarita chiese l'appoggio degli amici per dargli una mano. Personalmente, come spiegai a suo tempo, credevo che aiutare Marco in quell'occasione non fosse corretto per molti motivi, primo fra tutti la necessità di iscriversi a un sito specialistico, cui comunque potevo essere interessato a partecipare, ma che difficilmente avrei vissuto, successivamente, in maniera veramente attiva. Sostanzialmente è lo stesso discorso delle votazioni sulla Wiki: non ha senso iscriversi solo per votare.
Per quel che riguarda il Webit 2011 il discorso è diverso: innanzitutto non è necessario iscriversi per votare, e questo è certo una opzione non indifferente. E poi il progetto sembra nascere appositamente per far iscrivere la gente e misurare la forza della loro rete da una parte e del dialogo con i loro lettori dall'altra. Letta in questo senso, iscriversi e partecipare può essere un modo buono e interessante da una parte per testare se stessi, dall'altra, perché no, per raggiungere nuovi lettori. Per contro, però, soprattutto quando a iscriversi è una persona che conosci, e nel caso specifico ho anche avuto l'onore di farlo personalmente, l'idea è semplicemente quella di non creare concorrenza e far concentrare tutti gli sforzi, anche dei propri lettori, su quella persona.
E sto parlando di Annarita Ruberto, che potete (anzi dovete!) votare usando il link qui sotto: Valuterò la possibilità, in ogni caso, di iscrivermi anche io nei prossimi giorni, perché voti non anonimi, magari da account che vengono votati, dovrebbero avere un peso superiore, ad ogni modo vi ricordo che si può dare un solo voto al giorno (le istruzioni dettagliate su Scientificando), ma ora, un po' anche a risposta alle motivazioni di Annarita, vorrei spiegarvi il perché della necessità di concentrarsi su un'unica persona durante iniziative di questo genere.
Come sapete i blogger scientifici in Italia, per quanto agguerriti e tutti con blog che, con un po' di presunzione per la categoria, sono sopra la media italiana (o comunque lì vicino, a parte forse rarissimi casi), a volte sembrano vivere in un mondo isolato e ignorato dal quale escono in rare occasioni (ad esempio Claudio Pasqua alla scuola di dottorato di Otranto di quest'anno). Questo vuol dire che una occasione come il Webit deve essere colta al volo, concentrandosi su Annarita (o su Cristofaro, che al momento è sesto nella classifica italiana), senza pensare a personalismi o ad altre cose del genere.
Per cui il mio consiglio è: votate Annarita innanzitutto, ma se proprio vi porta a noia votare per la stessa persona, variate votando per Cristofaro, indipendentemente dal fatto che pensiate che ci sia gente che lo meriti più di loro: in questo momento rappresentano tutta la categoria, a mio giudizio, e quindi rappresentano anche me e una loro affermazione equivale anche a vittoria mia e di tutti quanti. E non preoccupatevi: il tempo per queste piccole soddisfazioni, che rendono meno amara l'attualità, verrà sicuramente per tutti (anche se, per me, in questa estate, è arrivato!)

6 commenti:

  1. Ciao, Gian! Ho apprezzato molto la risposta per email alla mia richiesta di conoscere il punto di vista di amici e contatti circa la motivazione fondamentale che mi ha spinta a partecipare al webit.

    L'analisi che hai esposto nel tuo articolo è convincente e, in particolare, trovo molto vero quanto scrivi circa il "dorato" isolamento dei blogger scientifici e l'opportunità di cogliere l'occasione, come questa del webit, di uscire allo scoperto. E' fondamentale essere uniti e cooperare a sostegno l'uno dell'altro, superando i personalismi. A tal fine, il voto e la sottoscrizione sono molto importanti come pure la diffusione attraverso tutti i canali, pratica poco seguita dai blogger scientifici putroppo, ma molto diffusa presso le altre categorie di blogger. Questi ultimi fanno tam tam continuo, contribuendo a portare avanti notevolmente i loro rappresentati, anche nella competizione del webit.

    Dovremmo fare come loro.

    Grazie ancora. Aspetto la tua partecipazione attiva al contest.
    Annarita

    ps: complimenti vivissimi per la pubblicazione sul Journal of Mathematical Physics, che merita indubbiamente di essere segnalata.

    RispondiElimina
  2. 1) Ora che sono rientrato a Milano, il tempo di assestarmi e riprendere (già... oggi, comunque) il lavoro e poi penso proprio di iscrivermi;
    2) Grazie per i complimenti! Ciò mi ricorda che dovrei mettere da qualche parte sia link diretto all'articolo sia alla bozza liberamente scaricabile da chiunque (però se cercate il titolo completo nel motore di ricerca interno, la trovate!)

    RispondiElimina
  3. grande Gian, mi fa proprio piacere questa tua pubblicazione su una importante rivista di settore! Quanto alle tue considerazioni sull'isolamento (snobistico?) dei blogger di divulgazione italiani, in molti casi è vero, ma non so se questa sia un'occasione per rimediarvi. La vedo più come un'opportunità per farsi conoscere a livello personale, anche se la blogger che abbiamo scelto non è affatto malata di isolazionismo e snobismo. Sul servire alla categoria non so, può darsi che il circolo di Annarita ne benefici, sono scettico sulla modifica dei comportamenti su internet in seguito a eventi del genere. Comunque, votiamo per Anna!

    RispondiElimina
  4. Caro Paolo, intanto grazie per il commento sul non-argomento del giorno (che poi mi ricorda che devo votare, oggi!).
    Per il resto: il circolo di Annarita, però, magari inizia a svegliarsi (anche se un ristretto gruppo che prova a sostenersi c'è già adesso).

    RispondiElimina
  5. @ Gianluigi
    Ho visto che ti sei iscritto. Il mio voto l'hai avuto e non poteva essere altrimenti.

    @ Paopasc
    D'accordo con te, non è assolutamente questa del Webit la soluzione ai problemi di isolamento, però potrebbe essere considerata un test per future collaborazioni tra i blogger, collaborazioni che se ben strutturate e gestite potrebbero aiutare almeno a diminuirlo questo benedetto isolamento.

    RispondiElimina
  6. Caro Gianluigi, purtroppo - e me ne sono fatto una ragione - io sono sempre "l'uomo dell'ultimo minuto" e, ancora una volta, ho letto questo post con un ritardo colossale :). Anche se ormai è tardi (tra 14 ore il Webit 2011 avrà termine), non me la sono sentita, tuttavia, di non postare un commento.
    Come avrai notato tu e anche tanti altri, sono forse un blogger anomalo, perché non mi espongo molto in commenti su altri blog, forse perché è appena un anno che mi sono affacciato su questo multiverso ed ho sempre il timore di sembrare fuori luogo, banale o, peggio, di essere aggredito (purtroppo ho notato che anche il nostro ambito trasuda un po' di acidità talora gratuita...). Sono però un bravo "lurker" ;)
    Innanzitutto ti ringrazio anche solo per aver digitato il mio nome in un post in cui compare quello della blogger che porterà onore e merito all'Italia a questo congresso, che tutti noi stimiamo e spero vivamente di poter conoscere di persona. Gran parte della motivazione che un anno fa mi ha spinto ad aprire Natura & Matematica è decisamente connessa all'attività che Annarita porta avanti da alcuni anni. E' inutile nascondersi dietro un dito: se si ha una passione viscerale, si riesce anche a trasmetterla.
    Concordo pienamente con quello che hai scritto, ho sostenuto anche io Annarita votandola, perché è giusto che prima o poi almeno uno di noi (porcavacca!!!) faccia capire all'Italia che curare un blog didattico/divulgativo è tutt'altro che una perdita di tempo ed è una finestra su una miriade di possibilità di crescita.
    Intanto è un'occasione in più per farsi conoscere e testare, entro certi limiti, quanto i nostri "followers" siano davvero degni di tale nome.
    Io intanto, al di là di Sofia, al di là di quello che verrà o non verrà, devo dire che mi sono molto divertito e, 3° o 4° posto che sarà, sono ultracontento, dopo un solo anno di attività, anche solo di figurare accanto a persone del calibro di Annarita, Caterina o dell'astro nascente Marco. :) E, chissà, magari potrebbe essere il punto di partenza per collaborazioni future, perché no?
    Non sono queste le grandi occasioni o soddisfazioni della vita; ho visto gente disperarsi per aver perso tante posizioni in classifica... non è certo questo il senso di questo contest, a mio avviso, perché non c'è in palio un'occasione che possa cambiare una vita. Personalmente traggo la felicità dal sorriso dei miei alunni e dalla collaborazione dei miei colleghi, ma credo che non ci si debba mai precludere nessuna possibilità, soprattutto quando l'esito ed i risvolti sono imprevedibili.

    Quanto a te, complimenti vivissimi per la pubblicazione ed anche per la partecipazione attiva al webit!
    PS: rientro tra i tuoi 789 per almeno 4 volte ;) Penso che meriti davvero tanto, come persona e come blogger.

    RispondiElimina