Network Bar

sabato 4 luglio 2020

L'ultimo cavaliere: La vita vince sempre

Ormai qualcosa come nove mesi fa avevo scritto una recensione sul primo volme di The last knight on Earth. Avevamo lasciato l'ultimo clone di Bruce Wayne a vagare sulla Terra insieme con la testa parlante del Joker alla ricerca di una soluzione per salvare il pianeta da Omega, un supposto clone di Batman folle che ha ucciso Darkseid (e Batman lo ha fatto in almeno un altro paio di occasioni in storie sempre fuori continuity) e grazie all'equazione dell'antivita ha istituito un controllo su Gotham e il pianeta in continua crescita.
Il nuovo dinamico duo, per quanto poco dinamico visto che il Joker è confinato dentro una lanterna, negli ultimi due volumi, che ho letto in originale, si ritrova ad affrontare una sorta di Odissea supereroistica, con tanto di viaggio all'interno del limbo, confrontandosi con gli eroi morti durante l'ascesa di Omega. In questo caso il riferimento viene reso ancora più esplicito da Scott Snyder e Greg Capullo quando Batman vede il fantasma di Alfred, ucciso dallo stesso Omega (anche se la scena della sua morte non è stata mostrata in maniera esplicita, ma solo suggerita).
La storia, ricca di riferimenti più o meno espliciti ad altri racconti di Snyder e del suo ciclo batmaniano, ma che nel complesso richiama ancora una volta a idee e spunti già presenti in Grant Morrison, si discosta ben poco sia dalla struttura e dalle atmosfere del primo volume, sia da quelle tipiche dello scrittore. Peraltro Snyder mostra anche una grande abilità nel riuscire a stupire il lettore al momento di rivelare l'identità di Omega, non tanto perché l'annuncio fosse completamente inaspettato, ma semplicemente per la costruzione stessa della scena, con la tensione che aumenta sempre di più fino al drammatico primo piano di Capullo, che contribuisce e non poco a rendere meno banale una scoperta direi più che telefonata.
Ovviamente gli eroi, alla fine, dopo tante fatiche vincono ed è significativa la scena conclusiva di The last knight on the Earth (e se non volete conoscerla, abbandonate ora queste righe).
Nel finale della storia, infatti, uscito da un wormhole, cade sulla Terra un razzo proveniente da una Krypton alternativa. Al suo interno c'è un bambino: è il piccolo Kal-El che viene accolto nel suo nuovo arrivo sul nostro pianeta da Batman e dagli eroi che sono rimasti al suo fianco nella sfida contro Omega.
La vita, alla fine, vince!

Nessun commento:

Posta un commento