Network Bar

martedì 24 luglio 2018

Golem XIV: discorsi sull'intelligenza artificiale

Quando acquistai Golem XIV dopo aver letto la quarta di copertina durante Book Pride 2018, il tipo della casa editrice Il Sirente mi guardò ammirato come se avessi fatto una scelta particolarmente coraggiosa. Lì su due piedi ne restai stupito: in fondo era un libro di fantascienza di quel genio che risponde al nome di Stanislaw Lem. In effetti il libro non è di semplice lettura, ma l'idea di fondo non è molto differente rispetto a A noi vivi di Robert Heinlein.
Lem, infatti, utilizzando un computer superavanzato, il Golem XIV, consegna al lettore due conferenze sull'uomo, sull'intelligenza artificiale e sull'evoluzione. Queste vengono incorniciate da un'introduzione di uno dei responsabili del Golem, in custodia presso i laboratori del MIT e da una postfazione di uno dei suoi colleghi. Rispetto al testo postumo di Heinlein, questo di Lem è redatto già esplicitamente come una serie di conferenze, due per la precisione. Queste sono tenute dal Golem XIV, una delle due intelligenze artificiali sviluppate dagli Stati Uniti con l'obiettivo di gestire la strategia militare difensiva e offensiva. La situazione, però, sfugge di mano alle autorità militari, poiché sia il Golem sia Anna la candida, l'altra superintelligenza costruita dai ricercatori informatici, non aderiscono ai propositi bellici del governo, considerando molto più utile la pace.
La posizione espressa in questo modo da Lem non è semplicemente di sinistra, ma l'ovvia conclusione di un ragionamento logico condotto da un'intelligenza non umana costruita con il principio turingiano dell'imparare in maniera continua e costante.
A queste considerazioni anti-militariste si aggiungono, però, nel corso delle conferenze, anche considerazioni più generali e profonde sull'evoluzione e l'intelligenza. Ad esempio nel campo dell'evoluzione risulta interessante l'idea che questa funzioni al contrario rispetto a quanto si sarebbe portati a credere: secondo Golem XIV l'aumento di complessità degli esseri viventi non porta alla perfezione, che anzi dovrebbe essere più simile a un essere vivente quanto più semplice possibile. Questo primo passo conduce, sviluppato nel corso delle due conferenze, alla considerazione, abbastanza ovvia, che Golem XIV è in un certo senso lo stadio più basso di un nuovo tipo di intelligenza, differente da quella umana, ma anche a essa superiore.
Evidente è anche l'aspirazione di stampo fantascientifico di Golem: provare a salire al livello successivo, quello occupato da Anna la candida, e magari provare con lei a diventare una coscienza cosmica, incorporea, i cui processi mentali risultano lenti come le ere geologiche.
Un modo intelligente per fare filosofia senza scrivere un saggio.

Nessun commento:

Posta un commento